Il Progresso Tecnologico ci sta Trasformando…

ma dobbiamo guidare noi la trasformazione.

Traduco per voi un estratto del Libro di Michael Chaskalson “The Mindful Workplace”. L’ho trovato davvero interessante e degno di essere approfondito.

Buona lettura!!

“Stiamo entrando in un mondo di lavoro in cui la combinazione di una sempre crescente globalizzazione e di progressi tecnologici sta trasformando il nostro lavoro in frammenti sempre più piccoli. Di fronte a una raffica continua di e-mail, telefoni che squillano costantemente, sempre più esigenti feed di Twitter e insistenti aggiornamenti di Facebook, è facile lasciare che l’istantaneo, il pressante e l’immediato travolgano l’importante e il lungo termine. Stiamo diventando sopraffatti dalle dimensioni della connettività: oltre cinque miliardi di persone saranno presto potenzialmente collegate l’una all’altra.

Non sorprende che, per molti di noi, tre minuti durino quanto possiamo concentrarci prima di essere interrotti e le nostre relazioni diventano sempre più virtuali e alienate. I risultati possono essere devastanti. Le abilità si annullano man mano che meno tempo viene speso in preziosa concentrazione, l’ansia aumenta mentre l’immediato travolge ogni senso di confine tra noi e il nostro lavoro, e la solitudine diventa il motivo centrale di gran parte delle nostre vite lavorative. Di fronte all’enorme volume di stimolazione, stiamo vivendo le nostre vite lavorative con il pilota automatico. Eppure, di fronte alla sfida della frammentazione e della solitudine, ciò di cui abbiamo bisogno non è ancora un’attenta capacità di gestione del tempo da superare ogni secondo; non è la promessa futura di assistenti cognitivi in ​​grado di gestire le nostre caselle di posta; non è nemmeno un altro programma per mettere in rete e influenzare le persone. No: ciò di cui abbiamo bisogno è un modo di pensare in modo più consapevole di noi stessi, del nostro lavoro e delle nostre aziende.

Questo messaggio di consapevolezza diventa sempre più insistente quando consideriamo la gioia potenziale che la longevità porterà nelle nostre vite lavorative. I 50 anni che molti di noi possono aspettarsi di lavorare potrebbero essere un periodo di grande significato e soddisfazione.Ma ha anche la possibilità di allungare semplicemente ciò che è già un’attività drenante di energia. Le nostre vite lavorative stanno rapidamente passando da una corsa a una maratona. Il burnout per le massime prestazioni potrebbe aver funzionato per una gara, ma non fornisce la capacità di recupero di una maratona.

Le forze della tecnologia, della globalizzazione, della connettività e della demografia insieme stanno creando un bisogno sempre più urgente di cambiare il modo in cui pensiamo al lavoro e alle abilità e alle competenze che sviluppiamo per costruire la resilienza. Queste abitudini, abilità e tecniche consapevoli saranno cruciali per percorrere la strada da percorrere.”

Guglielmo Margio

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...