Dieci segnali che ti fanno capire che non stai mettendo in pratica la tua intelligenza emotiva.

L’intelligenza emotiva è quel “qualcosa” in ognuno di noi che puo’ definirsi intangibile. Riguarda il modo in cui gestiamo il comportamento, navighiamo tra le complessità sociali e prendiamo decisioni personali per ottenere risultati positivi.

Adottare alcune tecniche per affinare l’arte dell’intelligenza emotiva ti serve innanzitutto per vivere al meglio le tue giornate lavorative, instaurare rapporti produttivi ed equilibrati e migliorare la qualità della vita (non solo in ambito professionale)

La mia opinione è che, oltre alla lettura di testi che ti possano aiutare a comprendere le caratteristiche del QE, sia fondamentale la pratica della meditazione per poterla sviluppare in modo consapevole.

Nonostante il significato di QE (Quoziente Emotivo) sia sempre meglio conosciuto, la sua natura non esattamente definibile rende molto difficile sapere quanto ne possiedi e cosa puoi fare per migliorare.

Ti consiglio di leggere il Libro del Dr. Travis Bradberry “Intelligenza Emotiva 2.0”. Questo post è ispirato da un suo intervento su LinkedIn.

Ecco i 10 segnali che ti fanno capire che non stai utilizzando il tuo QE

1) Non ti arrabbi. L’intelligenza emotiva non riguarda l’essere gentile; si tratta di gestire le tue emozioni per ottenere i migliori risultati possibili. A volte questo significa mostrare alle persone che sei arrabbiato, triste o frustrato. Mascherare costantemente le tue emozioni con la felicità e la positività non è genuino o produttivo. Le persone emotivamente intelligenti impiegano intenzionalmente sia le emozioni negative che positive in base alle situazioni appropriate.

2) Tendi facilmente ad essere stressato. Quando si sopprimono i propri sentimenti, si accumulano rapidamente sensazioni di tensione, stress e ansia. Le emozioni non indirizzate correttamente sollecitano la mente e il corpo. Le tue capacità di intelligenza emotiva ti aiutano a rendere lo stress più gestibile, consentendo di individuare e affrontare situazioni difficili prima che le cose degenerino. Le persone che non riescono a usare le proprie capacità di intelligenza emotiva hanno maggiori probabilità di rivolgersi ad altri mezzi meno efficaci per gestire il proprio stato d’animo. Hanno il doppio delle probabilità di provare ansia, depressione, abuso di sostanze e persino pensieri di suicidio.

3) Hai difficoltà a farti valere. Le persone con EQ elevato bilanciano le buone maniere, l’empatia e la gentilezza con la capacità di affermarsi e stabilire confini. Questa combinazione delicata è ideale per gestire i conflitti. Quando la maggior parte delle persone viene aggredite o scavalcate, si comporta automaticamente con un comportamento passivo o aggressivo. Le persone emotivamente intelligenti rimangono equilibrate e assertive allontanandosi dalle reazioni emotive non filtrate ed equilibrate. Ciò consente loro di neutralizzare le persone difficili e tossiche senza creare nemici.

4) Hai un “vocabolario” emotivo limitato. Tutte le persone provano emozioni, ma sono pochi gli eletti che possono identificarle accuratamente nel momento in cui si presentano. La ricerca del Dr. Travis Bradberry mostra che solo il 36% delle persone può farlo, il che è problematico perché le emozioni non etichettate vanno spesso fraintese, il che porta a scelte irrazionali e azioni controproducenti. Le persone con alti EQ dominano le loro emozioni perché le capiscono e usano un ampio vocabolario di sentimenti per farlo. Mentre molte persone potrebbero descriversi semplicemente sentendosi “cattive”, le persone emotivamente intelligenti possono individuare se si sentono “irritabili”, “frustrati”, “oppressi” o “ansiosi”. Più specifica è la tua scelta di parole, migliore è la tua intuizione di come ti senti esattamente, cosa l’ha causato e cosa dovresti fare per affrontarlo e risolverlo.

5) Arrivi a conclusioni affrettate e le difendi con veemenza. Le persone che mancano di EQ si formano un’opinione rapidamente e raccolgono prove che supportino, anche se errata, la loro opinione e ignorano qualsiasi prova contraria. Questo è particolarmente pericoloso per i leader, poiché le loro idee poco ponderate diventano l’intera strategia della squadra. Le persone emotivamente intelligenti lasciano che i loro pensieri maturino, perché sanno che le reazioni iniziali sono guidate dalle emozioni. Danno ai loro pensieri il tempo di svilupparsi e considerano le possibili conseguenze e le contro-argomentazioni. Quindi, comunicano la propria idea sviluppata nel modo più efficace possibile, tenendo conto delle esigenze e delle opinioni del proprio pubblico.

6) Porti rancore. Le emozioni negative che derivano dal trattenere un rancore sono in realtà una risposta allo stress. Il solo fatto di pensare all’evento manda il tuo corpo in modalità combattimento, un meccanismo di sopravvivenza che ti costringe a stare in piedi e combattere o correre verso le colline di fronte a una minaccia. Quando una minaccia è imminente, questa reazione è essenziale per la tua sopravvivenza, ma quando una minaccia è una storia antica, aggrapparti a quello stress provoca devastazioni sul tuo corpo e può avere conseguenze devastanti per la salute nel tempo. Infatti, i ricercatori della Emory University hanno dimostrato che il fatto di essere soggetti allo stress contribuisce all’ipertensione e alle malattie cardiache. Portare rancore significa che stai trattenendo lo stress, e le persone emotivamente intelligenti sanno che è necessario evitarlo a tutti i costi. Evitare di abbandonarsi al rancore non solo ti fa sentire meglio sul momento, ma può anche migliorare la tua salute.

7) Dimentichi i tuoi errori. Le persone emotivamente intelligenti prendono le distanze dai loro errori, ma lo fanno senza dimenticarle. Mantenendo i propri errori a distanza di sicurezza, ma comunque abbastanza pratici da poter fare riferimento, sono in grado di adattarsi e adattarsi per il successo futuro. Ci vuole una raffinata consapevolezza di sé per camminare su questa corda tesa tra l’abitudine e il ricordo. Afferrarti troppo a lungo i tuoi errori ti rende ansioso e impotente, ma dimenticarli completamente ti porterà a ripeterli. La chiave per bilanciare il tutto consiste nella capacità di trasformare i fallimenti in occasioni di miglioramento. Questo crea la tendenza a rialzarti ogni volta che cadi.

8) Ti senti spesso frainteso. Quando ti manca l’intelligenza emotiva, è difficile capire il modo in cui ti imbatti negli altri. Ti senti incompreso perché non consegni il tuo messaggio in modo che le persone possano capire. Anche con la pratica, le persone emotivamente intelligenti sanno di non comunicare perfettamente ogni idea. Riformulano la loro comunicazione quando le persone non capiscono quello che gli viene detto, adattano il loro approccio e comunicano nuovamente la loro idea in un modo che possa essere compreso.

9) Dai la colpa alle altre persone per come ti fanno sentire. Le emozioni provengono da dentro È allettante attribuire come ti senti alle azioni degli altri, ma devi assumerti la responsabilità delle tue emozioni. Nessuno può farti provare qualcosa che non vuoi. Pensare diversamente ti trattiene dal maturare il tuo QE.

10) Ti senti facilmente offeso. Se hai una chiara comprensione di chi sei, è difficile per qualcuno dire o fare qualcosa che ti faccia sentire attaccato. Le persone emotivamente intelligenti sono sicure di sé e di mentalità aperta, che creano una corazza piuttosto spessa. Potresti anche prenderti gioco di te stesso o lasciare che altre persone facciano battute su di te perché sei in grado di tracciare mentalmente la linea tra umorismo e denigrazione o insulto.

Conclusioni

A differenza del tuo Quoziente Intellettivo, il tuo EQ è altamente malleabile. Mentre alleni il tuo cervello esercitando ripetutamente nuovi comportamenti emotivamente intelligenti, costruisci i percorsi necessari per trasformarli in abitudini. Mentre il tuo cervello rafforza l’uso di questi nuovi comportamenti, le connessioni che supportano comportamenti vecchi e distruttivi si estinguono. In poco tempo, inizi a rispondere a ciò che ti circonda con intelligenza emotiva senza nemmeno doverlo più pensare.

Fonte www.talentsmart.com

Fonte LinkedIn Profilo Dr. Travis Bradberry

Guglielmo Margio

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...