Il Penultimo Giorno dell’anno.

In penombra. Da ragazzo mi recavo spesso in riva al mare, era pieno inverno e guardavo, avvolto meglio che potevo nel mio giubbotto in pelle, incrociarsi le correnti dello Stretto. Mi si affollavano nella mente le immagini dei miti, Scilla e Cariddi che afferravano tra le loro grinfie le navi di coraggiosi capitani. Respiravo a…

Storia di Billy: Capitolo #9

Invisibili gocce d’acqua. Nebbia. “Stropiccia gli occhi…”, dico immerso nel mio sonno. Perché sto sognando, questo è certo. Impercettibili gocce d’acqua offuscano la luce dei lampioni, appannano il riflesso delle lampadine che provengono dalle finestre delle case. Non riesco ad orientarmi, a trovare la via di casa nonostante la percorra in modo meccanico da anni….

La Canzone di Bobby Wrong

Essere giusti o sbagliati non cambia la sostanza delle cose. Bobby Wrong non amava etichette, andava libero come foglia al vento, come nave senza ormeggi. Non era solito chiedersi se fosse la cosa giusta o sbagliata. E per questo non era particolarmente apprezzato da chi lo frequentava. Io conoscevo Bobby Wrong sin da quando si…

Il Giocattolaio

L’importanza di una figura poetica ed essenziale. Ci sono differenze sostanziali tra il concetto del fare un mestiere ed un lavoro. Fare il Giocattolaio è cosa ben diversa dal “vendere” giocattoli. Dietro si cela un mondo composto da passione, psicologia e artigianato. Perché Giocattolai in fondo si nasce, a vendere sono più o meno capaci…

Sei Passi

Una distanza universale. Sei passi non sono né troppi ne’ pochi. A sei passi di distanza riesci a vedere in modo chiaro ma a non afferrare. Ci si trova spesso a sei passi da qualcosa o da qualcuno. È una distanza che si potrebbe definire la via di mezzo, la giusta misura. Se provi a…

Il Postino di Van Gogh

Siamo Protagonisti di un Progetto che non sempre si conosce…non del tutto. Inconsapevoli. Questo si è nella maggior parte dei casi. Non tanto perché incapaci di comprendere, ma in quanto inseriti in un contesto che è parte di un fenomeno in divenire più grande di quanto ci immaginiamo. Un pò come il Postino di Van…

Parole come Muri.

Isolamenti volontari ed involontari. Ricordo che da bambino amavo costruire. Quell’incastro perfetto che pezzo dopo pezzo mi consentiva di creare composizioni, muri e case, mi dava una sensazione di conforto. Ogni elemento veniva su come naturalmente una volta avviato il processo. Sentivo come un calore dentro al petto che ancora oggi, in alcuni momenti, ritorna…

Con Buddha al Centro Commerciale.

Un sabato a passeggio tra le rovine della consapevolezza. Un sabato comune ad una moltitudine di persone. Vado in apnea e si aprono le porte automatiche del mega Centro commerciale che assorbirà oltre due ore della mia vita. Mi piace farlo? No. Sono costretto a farlo? Nemmeno. Mi ci butto. Entro, sono pronto. Innanzitutto il…

Meditazioni Metropolitane

Approfittare di ogni singolo momento. Aspetto su una banchina. Inizia a fare freddo e tengo le mani dentro le tasche, non è una posizione tipica da meditazione. L’aria che si poggia sulla mia faccia mi tiene sveglio. Posso approfittarne. I momenti per fermarsi sono davvero pochi, a volte è folle pensare che durante la giornata…